Lunedì - Venerdì 09:00 - 19:00

Sabato e Domenica - chiuso

Verona

tel. 045 914185

Villafranca

tel. 045 7900497

Pubblicazioni

The impact of subcrestal placement on short locking-taper implants placed in posterior maxilla and mandible: a retrospective evaluation on hard and soft tissues stability after 2 years of loading.

Minerva Stomatol. 2014 Nov-Dec;63(11-12):391-402. Lombardo G1, Corrocher G, Pighi J, Faccioni F, Rovera A, Marincola M, Nocini PF.     Objective of this study was to assess the influence of the subcrestal placement level of short implants with a locking-taper connection design on crestal bone levels and soft tissues health.   METHODS: A clinical retrospective case-control study was conducted between May 2013 and September 2013. The sample was composed of patients who had received at least one 5-to-8-mm-long, plateau-design implant with a locking-taper connection system (Bicon LLC, Boston, MA, USA) in posterior areas of maxilla and mandible, in the period between January 2009 and Dicember 2011. A radiographic evaluation of the degree of subcrestal...

Decontamination using a desiccant with air powder abrasion followed by biphasic calcium sulfate grafting: a new treatment for peri-implantitis.

Case Rep Dent. 2015;2015:474839. doi: 10.1155/2015/474839. Epub 2015 Apr 27. Lombardo G1, Corrocher G1, Rovera A1, Pighi J1, Marincola M2, Lehrberg J3, Nocini PF1. Author information Abstract Peri-implantitis is characterized by inflammation and crestal bone loss in the tissues surrounding implants. Contamination by deleterious bacteria in the peri-implant microenvironment is believed to be a major factor in the etiology of peri-implantitis. Prior to any therapeutic regenerative treatment, adequate decontamination of the peri-implant microenvironment must occur. Herein we present a novel approach to the treatment of peri-implantitis that incorporates the use of a topical desiccant (HYBENX), along with air powder abrasives as a means of decontamination, followed by the application of biphasic...

A topical desiccant agent in association with ultrasonic debridement in the initial treatment of chronic periodontitis: a clinical and microbiological study.

New Microbiol. 2015 Jul;38(3):393-407. Epub 2015 Jul 6. Lombardo G1, Signoretto C2, Corrocher G1, Pardo A1, Pighi J1, Rovera A1, Caccuri F3, Nocini PF1. Author information Abstract Effective sub-gingival debridement is crucial to prevent serious systemic infections in hospitalized patients. Lack of compliance and the impracticality of repeated treatment in a short span of time are identified barriers to the performance of full mouth scaling and root planing (SRP). The aim of this randomized study was to evaluate the clinical and microbiological effects of the adjunctive administration of a locally delivered desiccant liquid with molecular hygroscopic properties (HYBENX® Oral Tissue Decontaminant™; HBX) in association with sub-gingival ultrasonic debridement (UD) in a hospital...

The Immediate Aesthetic and Functional Restoration of Maxillary Incisors Compromised by Periodontitis Using Short Implants with Single Crown Restorations: A Minimally Invasive Approach and Five-Year Follow-Up.

Case Rep Dent. 2015;2015:716380. doi: 10.1155/2015/716380. Epub 2015 Nov 15. Marincola M1, Lombardo G2, Pighi J2, Corrocher G2, Mascellaro A2, Lehrberg J3, Nocini PF2. Author information Abstract The functional and aesthetic restoration of teeth compromised due to aggressive periodontitis presents numerous challenges for the clinician. Horizontal bone loss and soft tissue destruction resulting from periodontitis can impede implant placement and the regeneration of an aesthetically pleasing gingival smile line, often requiring bone augmentation and mucogingival surgery, respectively. Conservative approaches to the treatment of aggressive periodontitis (i.e., treatments that use minimally invasive tools and techniques) have been purported to yield positive outcomes. Here, we report on the treatment and five-year follow-up of...

Esthetic Outcomes of Immediately Loaded Locking Taper Implants in the Anterior Maxilla: A Case Series Study.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]J Oral Implantol. 2016 Jun;42(3):258-64. doi: 10.1563/aaid-joi-D-14-00282. Epub 2015 Dec 11. Lombardo G1, Corrocher G1, Pighi J1, Mascellaro A1, Marincola M2, Nocini PF1. Author information Abstract The purpose of this study was to evaluate the esthetic outcome of single-tooth locking taper connection implants placed in the anterior maxilla following a postextractive nonfunctional loading protocol. This preliminary clinical study involving 16 patients evaluated the results of 21 implants placed in areas with high esthetic value. For each implant the pink esthetic score, white esthetic score, cumulative survival rate, and health status of peri-implant tissues were evaluated. The cumulative survival rate was 100% 2 years after prosthetic loading, and the mean total...

Aesthetic Surgical Approach for Bone Dehiscence Treatment by Means of Single Implant and Interdental Tissue Regeneration: A Case Report with Five Years of Follow-Up.

Case Rep Dent. 2016;2016:1236310. doi: 10.1155/2016/1236310. Epub 2016 Mar 16. Lombardo G1, Pighi J1, Corrocher G1, Mascellaro A1, Lehrberg J2, Marincola M3, Nocini PF1. Author information Abstract The replacement of single anterior teeth by means of endosseous implants implies the achievement of success in restoring both aesthetic and function. However, the presence of wide endoperiodontal lesions can lead to horizontal hard and soft tissues defects after tooth extraction, making it impossible to correctly place an implant in the compromised alveolar socket. Vertical augmentation procedures have been proposed to solve these clinical situations, but the amount of new regenerated bone is still not predictable. Furthermore, bone augmentation can be complicated by the...

Clinical, microbiologic and radiologic assessment of soft and hard tissues surrounding zygomatic implants: a retrospective study.

Oral Surg Oral Med Oral Pathol Oral Radiol. 2016 Nov;122(5):537-546. doi: 10.1016/j.oooo.2016.06.011. Epub 2016 Jun 29. Lombardo G1, D'Agostino A2, Trevisiol L3, Romanelli MG4, Mascellaro A5, Gomez-Lira M6, Pardo A7, Favero V8, Nocini PF9. Author information Abstract OBJECTIVES: To assess the clinical, microbiologic, and radiologic status of soft and hard tissues surrounding zygomatic implants. STUDY DESIGN: Patients who had at least two zygomatic implants were eligible for the study. Their soft tissues were analyzed, and microbial samples were collected. Cone beam computed tomography (CBCT) and orthopantomography were used to measure bone levels. The patients were also asked to complete a Visual Analogue Scale (VAS) questionnaire assessing their satisfaction. RESULTS: A total of 65 zygomatic implants placed in 20...

Eziopatogenesi e diagnosi dell’alitosi

LOMBARDO G,NICOLIS L, CORROCHER G,  BENEDETTI E, DEL FABBRO S 15° Congresso Nazionale del “Collegio dei Docenti di Odontoiatria”- Roma, 16-19 Aprile 2008. Con i termini “foetor ex ore” o bromopnea o, più comunemente alito cattivo si intende generalmente l’odore sgradevole o spiacevole dell’aria emessa dal cavo orale. Scopo di questo lavoro è quello di analizzare attraverso lo studio della letteratura, quali siano i fattori eziopatogenetici dell’alitosi e quali siano gli esami clinici e di laboratorio che consentano all’operatore di fornire al paziente una corretta diagnosi. Il cavo orale è un’entità anatomo-funzionale con diverse funzioni e caratteristiche ecologiche, fisiologiche e cliniche, e prende parte...

Full mouth ultrasonic debridement e full mouth scaling and root planning debridement nell’approccio iniziale alle parodontiti croniche

LOMBARDO G,NICOLIS L, CERVATO M, BALDISSERI E, CORROCHER G. 14° Congresso Nazionale del “Collegio dei Docenti di Odontoiatria”- Roma, 18-21 Aprile 2007. Introduzione: scopo di questo lavoro è di valutare quale sia la tecnica più efficace nell’ambito di un approccio Full Mouth alla terapia iniziale della parodontite cronica fra la tecnica dello scaling root planing manuale con curette e la tecnica della strumentazione sottogengivale con ultrasuoni, in un’unica seduta di un’ora. Materiali e metodi: allo studio hanno partecipato 39 pazienti selezionati sulla base di un quadro clinico di parodontite cronica generalizzata per un totale di 357 difetti con i seguenti criteri...

La malattia perimplantare ad eziologia batterica: Terapia non chirurgica

G. LOMBARDO,S. ZEN, L. NICOLIS, E. CAMPANARO, 14° Congresso Nazionale del “Collegio dei Docenti di Odontoiatria”- Roma, 18-21 Aprile 2007. Le infezioni perimplantari ad eziologia batterica sono un’evenienza ormai di facile riscontro nella pratica clinica quotidiana. Scopo di questo lavoro è quello di delineare in base ai dati presenti in letteratura il ruolo della terapia non chirurgica nel trattamento delle infezioni perimplantari. Le possibilità terapeutiche e i risultati clinici che l’approccio non chirurgico può offrire nel campo della terapia della malattia perimplantare sono diverse a seconda del quadro clinico che l’operatore deve affrontare: nel caso della mucosite l’approccio non chirurgico è...

Il dente parodontalmente compromesso nei settori posteriori

LOMBARDO G,TAVA P, CERVATO M, BALDISSERI E, CORROCHER G, 14° Congresso Nazionale del “Collegio dei Docenti di Odontoiatria”- Roma, 18-21 Aprile 2007. Lo scopo del presente lavoro è quello di capire come la particolare anatomia radicolare dei molari influenzi il progredire della malattia parodontale e di individuare, grazie alla letteratura presente, quale sia la terapia più efficace, nei diversi casi, nel trattamento dei molari parodontalmente compromessi. Le lesioni alle forcazioni sono un reperto di facile riscontro nella popolazione adulta. Tra queste, sono soprattutto le forche di II° grado profonde e quelle di III° grado a rappresentare il fattore di rischio maggiore per...

Applicazione dell’emdogain nella terapia chirurgica dei difetti ossei verticali

LOMBARDO G,PAVAN R, CORROCHER G, CERVATO M, VOTZAKIS P, 13° Congresso Nazionale del “Collegio dei Docenti di Odontoiatria”- Roma, 5-8 Aprile 2006. Introduzione: scopo di questo studio è quello di valutare clinicamente e radiograficamente nel medio e lungo termine l’efficacia della Rigenerazione Biologicamente Indotta nel trattamento dei difetti verticali profondi. Materiali e metodi: sono stati  selezionati un gruppo di pazienti di età compresa tra i 19 e i 45 anni che presentavano difetti verticali con caratteristiche ben specifiche: sondaggio (PPD-iniz) > 6mm; componente infraossea valutata radiograficamente > 3mm; buon controllo di placca (indice di placca visibile (VPI)) < 20%); indice di sanguinamento gengivale...

L’ossigenoterapia iperbarica come trattamento non chirurgico delle parodontiti aggressive

LOMBARDO G,GALASSINI S., NICOLIS L., SIGNORETTO C. 13° Congresso Nazionale del “Collegio dei Docenti di Odontoiatria”- Roma, 5-8 Aprile 2006 Introduzione:  la parodontite è una patologia infettivo-infiammatoria multifattoriale che porta ad una progressiva distruzione di legamento parodontale, osso alveolare e cemento radicolare. I fattori causali responsabili dell’insorgenza di tale patologia, insieme alla contemporanea presenza di una predisposizione genetica individuale, sono rappresentati dai batteri anaerobi presenti nella placca dentale, quali Actinobacillus actinomycetemcomitans, Porphyromonas gingivalis, Prevotella intermedia, Treponema denticola e Fusobacterium nucleatum. L’eliminazione o almeno la riduzione della presenza di tali batteri rappresenta secondo molti un presupposto cardine al mantenimento di una stabile condizione di salute...

Confronto clinico statistico tra tre tecniche chirurgiche per la rigenerazione parodontale : casistica clinica e revisione della letteratura

Lombardo G,Urbani G,Bromo F, Vignoletti F, Corrocher G Quintessenza Internazionale 2007: vol. 2, pp. 7-23 Introduzione: lo scopo del presente lavoro è quello di confrontare da un punto di vista clinico-statistico 3 differenti tecniche chirurgiche per il trattamento dei difetti parodontali: la Rigenerazione Tissutale Guidata (GTR) mediante l’utilizzo di membrane non riassorbibili, la Rigenerazione Tissutale Guidata (GTR) mediante l’utilizzo di membrane riassorbibili e la Rigenerazione Tissutale Biologicamente Indotta (BITR) mediante l’utilizzo di Amelogenine (Emdogain®). Materiali e Metodi: sono stati selezionati 49 pazienti che presentavano difetti intraossei a 2-3 pareti con PPD iniziale ≥6mm, componente intraossea ≥3mm, buon controllo di placca (indice di...

Utilizzo di impianti corti nelle riabilitazioni dei settori posteriori : risultati preliminari

Lombardo G, Corrocher G, Russo A, Trevisiol L, Urbani U, Nocini PF Quintessenza Internazionale 2008: vol. 5, pp 25-42 Scopo di questo lavoro è stato quello di valutare la stabilità al momento del posizionamento delle viti di guarigione di impianti a superficie sinterizzata di dimensioni pari a 5x5 mm. Allo studio hanno partecipato 20 pazienti di età compresa tra i 40 e i 70 anni, parzialmente edentuli nei settori laterali della mandibola e/o del mascellare superiore. Le aree edentule dovevano presentare un grave riassorbimento osseo in senso verticale cosicché la mandibola doveva presentare uno spessore osseo ≥ 6mm e una distanza tra...

L’Ossigeno Iperbarico a confronto con l’Antibioticoterapia sistemica nell’approccio iniziale alle parodontiti aggressive

Lombardo G, Signoretto C, Pardo A, Campanaro E, Corrocher G, Urbani G. Quintessenza Internazionale 2009: vol. 3, pp. 5-16 Obiettivo: scopo del presente lavoro è quello di confrontare da un punto di vista clinico e microbiologico mediante analisi PCR “real-time”, l’efficacia dell’antibioticoterapia sistemica e dell’ossigenoterapia iperbarica in associazione all’igiene orale professionale sottogengivale nell’approccio iniziale al trattamento delle forme aggressive di parodontite. Materiali e metodi: Allo studio hanno partecipato 21 pazienti selezionati sulla base della presenza di un quadro clinico di parodontite aggressiva generalizzata. I pazienti sono stati successivamente suddivisi in tre gruppi di trattamento: il gruppo test A è stato trattato con...

Correzione chirurgica delle recessioni gengivali associate con lesioni cariose radicolari

Lombardo G,Urbani G,Castellarin M, Santi E, Abitbol T. Compend Contin Educ Dent. 1996 Apr;17(4):330-2, 334 passim; quiz 340. In questa relazione clinica, sono presentati sei casi in cui la lesione cariosa della radice e la  recessione gengivale sono state trattate simultaneamente. E’ stato eseguito il  trattamento combinato di rimozione della carie, levigatura radicolare, e varie tecniche chirurgiche per la copertura radicolare. Le procedure tradizionali, così come le procedure più recenti, come ad esempio guidare la rigenerazione dei tessuti, hanno mostrato risultati positivi. > Leggi tutto l'Articolo...

Risultati clinici dell’esposizione di membrane riassorbibile Poliglactin 910 nella rigenerazione guidata dei tessuti

Lombardo G,Urbani G, Graziani A , Caton JG. Int J Periodontics Restorative Dent. 1997 Feb;17(1):41-51. Sono presentati tre casi di esposizione precoce di una membrana riassorbibile, durante la terapia di rigenerazione guidata dei tessuti. E’ stata eseguita terapia antibiotica per determinare se l'infezione delle membrane esposte poteva essere controllato fino al punto di raggiungere risultati clinici accettabili senza la rimozione della membrana. I risultati suggeriscono che con l'uso della terapia antimicrobica: (1) l'esposizione è compatibile con il successo dei risultati clinici, e (2) la rimozione non è necessaria. > Leggi tutto l'Articolo  ...

Effetti della saliva sul tempo di riassorbimento delle membrane riassorbibili

Urbani G, P Canepari, Lombardo G, Salgarelli C, Santi E. Minerva Stomatol. 1997 Nov; 46 (11) :569-77. Dal momento che le membrane riassorbibili sono stati introdotte il loro tempo di riassorbimento è sempre stato un importante argomento di discussione. La letteratura attuale non spiega con estrema precisione i fattori che contribuiscono a questo processo biologico nella cavità orale. L'esperienza clinica dimostra che l'influenza della saliva può essere un fattore importante durante il riassorbimento di membrane sintetiche riassorbibili. Sei esperimenti sono descritti in questo articolo, in cui quattro membrane sintetiche riassorbibile sono testate (maglia VICRYL parodontale, collagene VICRYL, Guidor e Resolut). Le membrane...

Ciclosporina topica nel trattamento del Pemfigo Orale

Pacor ML, Biasi D, Carletto A, Maleknia T, Lombardo G, Lunardi C. Minerva Stomatol. 1998 Apr;47(4):183-6. BACKGROUND:Il Pemfigo volgare presenta le lesioni tipiche vescicole a livello della mucosa orale in quasi tutti i pazienti.I principali farmaci utilizzati nel trattamento della malattia sono steroidi e farmaci immunosoppressivi. Tra questi ultimi, ciclosporina A svolge un ruolo centrale. METODI: In questo studio gli effetti della ciclosporina topica è stata valutata in 12 pazienti (4 maschi e 8 femmine, età media 65 anni) affetti da pemfigo orale che per almeno 4 anni non rispondevano ai trattamenti precedenti. Cinque ml di sospensione orale (500 mg) sono stati...

Aumento localizzato di cresta con innesti chin e pins riassorbibili : case report.

Lombardo G,Urbani G,Santi E, Tarnow D. Int J Periodontics Restorative Dent. 1998 Aug;18(4):363-75. Abstract : Sei innesti a blocchi raccolti dalla sinfisi mandibolare sono stati utilizzati per aumentare le creste parzialmente atrofizzate. Tre difetti mascellari e mandibolari sono stati trattati in cinque pazienti. Innesti di osso autologo dal mento sono stati stabilizzati nei siti destinatari con spilli e e non sono stati utilizzate membrane riassorbibili nel corso degli innesti. Le guarigioni procedettero senza complicazioni. Dopo tre, quattro mesi la superficie esterna corticale degli innesti veniva progressivamente riassorbita ed i profili dei perni sporgevano da sotto il tessuto mucoso che copriva le aree aumentata....

Osteogenesi mediante distrazione ossea mandibolare verticale ed effettiva rigenerazione ossea: un case report.

Urbani G, Lombardo G, Santi E, Consolo U. Int J Periodontics Restorative Dent. 1999 Aug;19(4):321-31. In questo caso è presentata la relazione su una tecnica chirurgica per l'aumento osseo verticale. La procedura, eseguita in una donna di 30 anni con una cresta alveolare atrofizzata nella parte anteriore della mandibola, si basa sul concetto biologico di osteogenesi a mezzo distrazione già introdotto in chirurgia ortopedica e maxillofacciale. Dopo la elevazione di un full-flap è stato eseguita una osteotomia orizzontale a tutto spessore 7 / 8 mm dalla sommità della cresta. Due osteotomie verticali sono state preparate con punte di diametro crescente (2, 2.8,...

Risultati dello studio doppio cieco placebo-controllato sull’utilizzo di Sali al Nickel in pazienti affetti da Stomatite Aftosa Ricorrente

Pacor ML, Di Lorenzo G, Martinelli N, Lombardo G, Di Gregoli A, Mansueto P, Rini GB, Corrocher G, Corrocher R. Int Arch Allergy Immunol. 2003 Aug;131(4):296-300. BACKGROUND: L'eziologia della Stomatite Aftosa Ricorrente (RAS) non è stata finora mai completamente chiarita. Recentemente, numerosi studi hanno riferito che i pazienti affetti da malattie cutanee (dermatite, eczemi e orticaria) con patch test positivo al nichel sono sensibili alla assunzione di nickel per via orale. OBIETTIVO: E’ stata effettuata un’analisi retrospettiva dei dati dei patch test e assunzione di Nickel per via orale in 380 pazienti (204 donne e 176 uomini) affetti da RAS. PAZIENTI E METODI: Sono...

Valutazione dell’efficacia di Derivati della Matrice dello Smalto nel trattamento dei Difetti Infraossei: Studio multicentrico di 24 mesi

Francetti L, Trombelli L, Lombardo G, Guida L, Cafiero C, Roccuzzo M, Carusi G, Del Fabbro M. Int J Periodontics Restorative Dent. 2005 Oct;25(5):461-73 L'obiettivo di questo studio clinico multicentrico prospettico controllato era di valutare l'efficacia di Emdogain (Biora), un derivato della matrice dello smalto (EMD), in combinazione con il trattamento chirurgico dei difetti parodontali angolari, rispetto alla sola chirurgia, per un massimo di 24 mesi di follow-up. Lo studio è stato condotto in sei università italiane e 11 le pratiche private. Sono stati selezionati pazienti con difetti angolari a una, due, o tre pareti e con una profondità del difetto intraosseo...

Comparazione tra trattamento topico con unguento pectinico Tacrolimus 0.1% e trattamento topico con unguento Clobetasol 0.05% in pazienti adulti con moderata e grave desquamazione gengivale : ciclo di cure di 4 settimane, studio randomizzato e a doppio cieco

Corrocher G, Di Lorenzo G, Mansueto P, Martinelli N, Esposito-Pellitteri M, Gelio S, Lombardo G, Pacor ML. Clin Ther 2006 Sep;28(9):1296-302 BACKGROUND: La Gengivite Desquamativa (DG) è una condizione clinica caratterizzata da rossore, dolore, vetrificazionee friabilità gendivale, che potrebbe essere una manifestazione di alcune malattie autoimmuni mucocutanea. Il tempo dallo sviluppo dei primi segnali della DG per la diagnosi può variare da mesi o anni. Uno studio basato su una ricerca della letteratura dimostra che non esistono dati disponibili riguardanti pazienti con la DG senza segni di malattia autoimmune. OBIETTIVO: L'obiettivo di questo studio era di confrontare l'efficacia e la tollerabilità della monoterapia...

Mantenimento di cresta post-estrattivo con osso bovino deproteinizzato in associazione a un preparato a base di solfato di calcio. Analisi istomorfometrica a 4 mesi.

Lombardo G, Corrocher G, Russo A, Urbani U, Dell’acqua F, Albanese M. Quintessenza Internazionale 2009: vol. 2, pp. 5-15 Oggetto: lo scopo di questo studio caso è stato quello di paragonare le caratteristiche istomorfometriche dell’osso bovino deproteinizzato associato o meno al solfato di calcio in siti postestrattivi. Materiali e Metodi: sono stati selezionati 21 pazienti (16 maschi e 5 femmine), ognuno dei quali necessitava di estrazione di uno o più elementi dentari non molari e successiva riabilitazione protesica implanto-supportata. In totale sono stati estratti 24 elementi dentari. I 24 alveoli post-estrattivi sono stati quindi assegnati a due gruppi, TEST (12 alveoli) e...

Comparazione tra gli effetti terapeutici dell’unguento topico Tacrolimus 0.1% e Clobetasol 0.05% in pazienti con Lichen Planus del cavo orale

Corrocher G, Di Lorenzo G, Martinelli N, Mansueto P, Biasi D, Nocini PF, Lombardo G, Fior A, Corrocher R, Bambara LM, Gelio S, Pacor ML. J Clin Periodontol. 2008 Mar;35(3):242-3. ABSTRACT : Il Lichen Planus è considerato una malattia autoimmune ad eziologia ancora sconosciuta che colpisce le mucose soprattutto quelle orali. Obiettivo di questo studio è stato quello di comparare l’efficacia di due unguenti ad azione topica: Tacrolimus 0.1% e Clobetasol 0.05%. Il risultato al termine della ricerca mostra una significativa diminuzione dei sintomi nei pazienti trattati col Tacrolimus rispetto a quelli trattati con Clobetasol 0.05%. > Leggi tutto l'Articolo...