Lunedì - Venerdì 09:00 - 19:00

Sabato e Domenica - chiuso

Verona

tel. 045 914185

Villafranca

tel. 045 7900497

Aumento localizzato di cresta con innesti chin e pins riassorbibili : case report.

Studio dentistico associato Lombardo  >  Implantologia   >  Aumento localizzato di cresta con innesti chin e pins riassorbibili : case report.

Aumento localizzato di cresta con innesti chin e pins riassorbibili : case report.

Lombardo G,Urbani G,Santi E, Tarnow D.
Int J Periodontics Restorative Dent. 1998 Aug;18(4):363-75.

images05Abstract : Sei innesti a blocchi raccolti dalla sinfisi mandibolare sono stati utilizzati per aumentare le creste parzialmente atrofizzate.
Tre difetti mascellari e mandibolari sono stati trattati in cinque pazienti. Innesti di osso autologo dal mento sono stati stabilizzati nei siti destinatari con spilli e e non sono stati utilizzate membrane riassorbibili nel corso degli innesti. Le guarigioni procedettero senza complicazioni. Dopo tre, quattro mesi la superficie esterna corticale degli innesti veniva progressivamente riassorbita ed i profili dei perni sporgevano da sotto il tessuto mucoso che copriva le aree aumentata. Tuttavia, i perni non hanno mai perforato il tessuto e sono stati riassorbiti macroscopicamente entro 4 a 6 mesi. A 6 mesi la zona trattata ha mostrato un importante aumento di cresta e durante l’eposizione chirurgica della fase due sono stati rilevati i resti dei fori sulla superficie esterna dei difetti riparati. La valutazione radiografica degli innesti a blocco è stato effettuato a 3 e 6 mesi e campioni istologici sono stati ottenuti a 6 mesi. I campioni hanno mostrato un riassorbimento dei pins incompleto e relativo incapsulamento. Una grave reazione da corpo estraneo è stata rilevata in un caso. La presenza di una matrice ossea acellulare in alcune sezioni e di un modello di osso normale con un componente cellulare negli altri è stata una constatazione coerente .
Impianti endoossei ITI sono stati collocati con un eccellente stabilità primaria in tutti i casi trattati.

> Leggi tutto l’ Articolo

Lascia un commento