Lunedì - Venerdì 09:00 - 19:00

Sabato e Domenica - chiuso

Verona

tel. 045 914185

Villafranca

tel. 045 7900497

In Implantologia qualità non sempre garantita

Studio dentistico associato Lombardo  >  Novità   >  In Implantologia qualità non sempre garantita

In Implantologia qualità non sempre garantita

Nel mese di febbraio si è tenuto a Roma il Congresso Internazionale della Società Italiana di Implantologia Osteointegrata (SIO).

Grande attenzione è stata posta sulla scarsa regolamentazione relativa alla produzione e commercializzazione di un numero sempre maggiore di impianti per nulla o poco scientificamente certificati.

A fronte di un crescita esponenziale di richiesta da parte della popolazione di questo tipo di terapia sostitutiva dei denti mancanti (su un campione di oltre 600 persone, il 68% dei cittadini richiede l’utilizzo degli impianti considerati più pratici, duraturi ed efficaci rispetto alle dentiere ) è cresciuto parallelamente tutto un mercato di contraffazione fatto di impianti copiati sullo stampo di quelli originali chiamati appunto “ cloni “ provenienti da paesi non disciplinati in materia come Brasile, Cina e Korea.

Sono più di trecenimp1to le tipologie di impianti reperibili in Italia ed è evidente, agli occhi dei professionisti seri, quanto piccola sia la percentuale di questi in possesso dei requisiti minimi necessari per poter essere, in piena scienza e coscienza, utilizzati sul paziente.
Molto pochi infatti sono quelli “in possesso di una documentazione scientifica basata su studi condotti da istituzioni di ricerca indipendenti che ne attesti l’affidabilità nel lungo periodo” come afferma il presidente SIO.

In un momento congiunturale economico come questo che tutti conosciamo salta all’occhio come il fiorire di terapie implantologiche low cost trovi facile ingannevole attrazione sul paziente che, totalmente ignaro di “ cosa gli venga messo in bocca “, si affida a terapie, per così dire, poco scrupolose.
Lo stesso Ministro della Salute Ferruccio Fazio inoltre ha affermato di voler valutare l’ipotesi di inserimento “nelle forme integrative di assistenza” degli interventi di implantologia, mentre per quanto riguarda la qualità, ha sottolineato l’importanza delle “raccomandazioni cliniche in ambito odontoiatrico” promosse dal ministero.

Per questo la SIO ha elaborato delle prime regole base per i pazienti:

•    affidarsi ad un professionista laureato ed iscritto all’albo che, possibilmente, abbia svolto corsi di                     specializzazione specifici nel campo dell’implantologia
•    esigere dal dentista notizie sul tipo di impianto da inserire
•    diffidare dei costi troppo bassi
•    farsi rilasciare dal dentista un certificato sul tipo di sistema implantare utilizzati

Il Congresso si è concluso ponendo le basi del “ Progetto qualità del Ministero della Salute per l’Odontoiatria “  con l’obbiettivo di garantire la massima tutela ai pazienti.

 

Lascia un commento