Lunedì - Venerdì 09:00 - 19:00

Sabato e Domenica - chiuso

Verona

tel. 045 914185

Villafranca

tel. 045 7900497

Mantenimento di cresta post-estrattivo con osso bovino deproteinizzato in associazione a un preparato a base di solfato di calcio. Analisi istomorfometrica a 4 mesi.

Studio dentistico associato Lombardo  >  Implantologia   >  Mantenimento di cresta post-estrattivo con osso bovino deproteinizzato in associazione a un preparato a base di solfato di calcio. Analisi istomorfometrica a 4 mesi.

Mantenimento di cresta post-estrattivo con osso bovino deproteinizzato in associazione a un preparato a base di solfato di calcio. Analisi istomorfometrica a 4 mesi.

Lombardo G, Corrocher G, Russo A, Urbani U, Dell’acqua F, Albanese M.
Quintessenza Internazionale 2009: vol. 2, pp. 5-15

images7Oggetto: lo scopo di questo studio caso è stato quello di paragonare le caratteristiche istomorfometriche dell’osso bovino deproteinizzato associato o meno al solfato di calcio in siti postestrattivi. Materiali e Metodi: sono stati selezionati 21 pazienti (16 maschi e 5 femmine), ognuno dei quali necessitava di estrazione di uno o più elementi dentari non molari e successiva riabilitazione protesica implanto-supportata. In totale sono stati estratti 24 elementi dentari. I 24 alveoli post-estrattivi sono stati quindi assegnati a due gruppi, TEST (12 alveoli) e CONTROLLO (12 alveoli), in modo randomizzato con il lancio di una moneta. Gli alveoli del gruppo TEST sono stati zeppati con osso bovino deproteinizzato (Bio-oss) associato a un preparato a base di solfato di calcio (Calmatrix), mentre gli alveoli post-estrattivi del gruppo CONTROLLO sono stati riempiti unicamente con osso bovino deproteinizzato. La procedura chirurgica ha previsto la copertura del materiale da innesto con una membrana in collagene riassorbibile. A distanza di 4 mesi, al momento del rientro chirurgico per il posizionamento degli impianti sono stati prelevati mediante fresa carotatrice dei campioni di tessuto rigenerato a livello degli alveoli innestati. Il materiale prelevato è stato successivamente processato per l’analisi istomorfometrica della quantità di osso cellulare, osso acellulare, spazi trabecolari, materiale residuo e presenza di tessuto fibroso. Risultati: l’analisi istomorfometrica dei 24 prelievi bioptici ha rilevato le seguenti percentuali statisticamente significative (P<0.01): osso vitale 60 ±15.95% per il gruppo TEST e 31.7±7.18% per il gruppo CONTROLLO; osso acellulare 4.17±3.6% e 33.3±15.8% rispettivamente per il gruppo TEST e per il gruppo CONTROLLO. Conclusioni: il solfato di calcio da noi utilizzato addizionato a osso bovino deproteinizzato ha dimostrato, in maniera statisticamente significativa, di essere in grado di portare alla maggiore formazione di osso vitale e ad una minor presenza di osso acellulare rispetto al solo osso bovino deproteinizzato.

Lascia un commento